Chi sono...

Chi sono…

Lo so, è insolito avere a che fare con una donna che non ha paura di spezzarsi le unghie. Ma la passione per la 500 ha radici ben più importanti e ben più lontane. La Fiat 500 è un nido, dentro il quale conservo gelosamente tantissimi dei miei ricordi da bambina. E’ la macchina che mi ha accompagnata a casa dopo la scuola, quando i grossi zaini occupavano tutto il sedile posteriore. E’ la macchina che sembrava velocissima quando percorreva lunghe strade e che sembrava volasse ad ogni dosso un po’ più pronunciato (quelli sulle nostre strade non mancano mai…), è la macchinina che diventava piccolissima quando si avvicinava un autobus al lunotto posteriore ma che è stata grande per tantissimi italiani…e lo è tuttora. Ho una Fiat 500 L del 1969 dal 2007, la chiamo Nina perchè quando la vidi la prima volta volevo dire “Quanto è piccolina!” ed invece dissi “Quanto è nina!”.

Mi chiamo Marianna, ho 36 anni, sono di Taranto e mi sono innamorata di lei dopo una lunga ricerca. L’ho utilizzata un solo anno e poi riposta gelosamente in garage. Prima di acquistarla ne ho viste davvero tante, di mille colori diversi ma, non me ne vogliano i puristi (ovvero i patiti della originalità), me ne sono innamorata per il suo colore: verde chiaro 363. Lo so, per chi è un vero intenditore di questa auto, il verde chiaro 363 non è un colore tipico della 500 L ma dei modelli precedenti. Ne sono venuta a conoscenza solo poco tempo fa, a maggio 2018, quando ho iniziato ad informarmi per il restauro per farla bella per i suoi 50 anni a Luglio 2019. E così ho iniziato questo percorso tortuoso per una donna del restauro ma anche tanto ricco di soddisfazioni in quanto noi donne siamo davvero ostinate e abbiamo una ottima manualità e delicatezza per i piccoli particolari.

Ho iniziato davvero dalle cose piccolissime perchè non sapevo da dove cominciare…Poi man mano ho iniziato a smontare e rimontare pezzi più grossi e ancora non è finita, visto che sono ancora in fase di restauro. Voglio così attraverso questo sito condividere con voi la mia esperienza e fornitori per il mio restauro e, lì dove mi sarà possibile, inserire dei video o delle guide fotografiche visto che non ci sono tante guide dettagliate che sarebbero state utili a me in primis, ma anche a tutti coloro che hanno la voglia di rendersi utile e, diciamoci la verità, risparmiare anche qualche soldino.

You must be logged in to post a comment