Tag Archive restore

Restauro del Clacson

Quando cominci il restauro di una auto d’epoca, inizi a smontare sempre le cose più semplici da poter restaurare in autonomia. Una delle prime cose che ho smontato è stato il clacson. Con il tempo naturalmente si era scolorito, o meglio si era indurita la vernice del pulsante e si era staccata a pezzetti. Per prima cosa bisogna smontare la cornice nera che lo sostiene facendo leggermente leva con un piccolo cacciavite a punta piatta. Fate attenzione perchè all’interno il clacson ha una molla che farà saltare il pulsante durante da fase di smontaggio, non perdete quella molla perchè non è semplice trovarla nuova.

Questa è la situazione in cui si trovava il mio pulsante. Per il restauro ho utilizzato: cotton fioc, acetone, un piccolo cacciavite a punta piatta, vernice nera e bordeaux per il ripristino del colore e un pennellino. Per prima cosa, ho iniziato a grattare con il cacciavite all’interno del logo (che presenta delle piccole onde) per cercare di eliminare tutto il vecchio colore.

Una volta eliminato tutto il vecchio colore con il cacciavite, che verrà via che è una meraviglia, ho poi passato con il cotton fioc l’acetone in modo da eliminare i residui anche all’interno delle onde. Ho sverniciato anche la cornice nera e poi con l’aiuto di un piccolo pennellino ho colorato di nuovo le parti facendo attenzione a non uscire dai bordi.

Tags, , , , , , ,

Il mio Restauro…

Tags, , , , , , ,

Chi sono…

Mi chiamo Marianna, ho 38 anni, sono di Taranto e mi sono innamorata di lei dopo una lunga ricerca. Nella vita svolgo un lavoro completamente diverso da quello che si vede in video. Sono un grafico, ma realizzo video tutorial da circa 10 anni, da quando mi sono laureata a pieni voti con una tesi proprio relativa ai video tutorial, ma mai e poi mai credevo di doverli utilizzare per il restauro della mia auto! Prima di iniziare il restauro, ho voluto cercare online video che mi aiutassero durante le fasi di smontaggio ma, non trovando nulla, ho deciso così di rimboccarmi le maniche e unire il mio lavoro alla mia passione per questa auto e di dedicare parte del mio tempo ad aiutare chi, come me, vuole fare quanto più possibile da sè.

Sin da piccola ho sempre avuto una mentalità contro tendenza, mentre tutte le bimbe volevano fare le principesse, io volevo fare la benzinaia.

Il mio progetto si chiama Donne in 500 perchè è un modo per avvicinare le donne al mondo delle automobili. Gli stereotipi culturali purtroppo limitano spesso le passioni per paura di essere giudicate. Ma ogni progetto è come una gravidanza…Lo pensi, ci provi, lo vedi crescere, lo aspetti, lo vedi nascere e non vedi l’ora che sia completo. Noi donne siamo capaci di mettere al mondo un figlio, figuriamoci se dobbiamo avere paura di usare un giravite! Ogni progetto è come un figlio ed è proprio ai giovani che voglio principalmente rivolgermi.

Il mio Progetto Donne in 500  verte sul fai da te e sul recupero e restauro delle componenti originali delle auto sottolineando quanto sia importante conservarne la storia e facendo prendere coscienza agli utenti di quanto siamo abituati allo spreco. Siamo troppo abituati a comprare pezzi nuovi senza provare nemmeno ad aggiustarli facendo perdere alle nostre auto il fascino del loro vissuto. Questo progetto vuole scuotere gli animi e le coscienze dal torpore della tecnologia e invitare i giovani a sporcarsi le mani. 

Ho iniziato da cose piccolissime perchè non sapevo davvero da dove cominciare…Poi man mano ho iniziato a smontare e rimontare pezzi sempre più grossi e ancora non è finita, visto che sono ancora in fase di restauro!

Voglio così attraverso questo sito e i miei social INSTAGRAM, FACEBOOK e YOUTUBE, condividere con voi la mia esperienza e consigliare nuove tecnologie che vengono in soccorso al restauro, fornitori e aziende valide che con un giusto rapporto qualità-prezzo verranno incontro alle nostre esigenze.

Tags, , , , , ,